canneto-biosiculà-agricoltura-biologica-agrumeto

Biosiculà e la storia

Il fiume  Asinaro,  segna il confine fra due ridenti cittadine della provincia di Siracusa: Avola e Noto; proprio lungo le sue rive nasce Biosiculà.

canneto-biosiculà-agricoltura-biologica-agrumeto

Fiume Asinaro

Questa zona fluviale, nota come la Fiumara (“A Ciumara” in siciliano),  ha anche una certa importanza nella storia dell’antica Siracusa; difatti qui si consumò la cosiddetta “Battaglia dell’Asinaro” (413 a.C.) che vide i siracusani battersi contro gli ateniesi  durante la grande guerra tra Atene e Sparta (città alleata di Siracusa); gli ateniesi pur essendo numericamente superiori furono imbottigliati sulle sponde del fiume, circondati e massacrati.  Non a caso le contrade Piccio e Fiumara hanno restituito numerosi reperti archeologici presenti in tutti i principali musei archeologici della Sicilia (su tutti il Museo Paolo Orsi di Siracusa).  Quelli che si arresero trascorsero i loro ultimi giorni nella famose latomìe (cave) di Siracusa.

In questa zona vi era anche un feudo di epoca araba noto come “Feudo di Racalmedica” che comprendeva le limitrofe Contrade Puzzi, Palma (in territorio avolese), Fiumara e Falconara (in territorio netino).  La vicinanze del fiume Asinaro rende ancora più fertili la terra dove affonda le radici la nostra azienda.

La fauna è molto ricca; vi possiamo incontrare uccelli acquatici quali anatre e aironi e pesci quali cefali, carpe e anguille (non è raro trovare che vi siano grossi esemplari di trote iridee o spigole macchiate). Fuori dal fiume sono presenti rane, rospi e serpenti innocui come il colubro leopardino e le bisce d’acqua visibili solo in mezzo alla fitta vegetazione di ninfee e canne di fiume.

La vicinanze del fiume Asinaro contribuisce a rendere ancora più fertili la terra dove affonda le radici la nostra azienda.